Conoscere le Isole Tremiti

  Le isole Tremiti, paradiso incantato: qualcuno le ha definite il "brivido" dell'avventura. Altri semplicemente un cocktail di mitiche bellezze della natura. Sono le Tremiti, dette anche isole di Diomede, perché secondo una leggenda, l'eroe omerico approdò su tali scogli incantati, reduce della guerra di Troia. I suoi compagni furono da Venere trasformati in uccelli marini: le diomedee.

Visita con Street View Panorama di Google i punti caratteristici, il mare e le spiagge delle Isole Tremiti spostando l'omino sulle strade evidenziate da una linea blu, poi sul riquadro di destra naviga con il mouse.

StreetViewPanorama

Le isole Tremiti sono a Km. 135 da Foggia e a Km, 87 da Manfredonia. E' un arcipelago formato dalle isole San Nicola, San Domino, Caprara e i due scogli Cretaccio e Vecchia, il complesso insulare costituisce un unico comune con sede a San Nicola.

Come arrivare alle Isole Tremiti attraverso il servizio che offrono le varie compagnie marittime che collegano l'arcipelago con  traghetti, aliscafi e motonavi  la cui frequenza e legata alle stagioni.

I traghetti per le Isole Tremiti  partono dai porti  di Pescara, Ortona, Vasto nella regione Abruzzo,  quello di Termoli nel Molise e da alcune località del  Gargano tra cui  Vieste, Peschici, Manfredonia  e Rodi Garganico.

Le spiagge alle Isole Tremiti sono poche e piccole,  a San Domino si trova la spiaggia di Cala delle Arene adiacente al porticciolo, quella di Cala Matano in una insenatura a 100 metri dall' hotel Eden e la spiaggia dei Pagliai che si raggiunge solo via mare.

Tra gli hotel Isole Tremiti non c'è che l'imbarazzo della scelta, sia per la tipologia che per le tante offerte vacanza che gli stessi propongono durante la stagione estiva. Ghi alberghi 3 stelle e le pensioni economiche possono tranquillamente soddisfare le esigenze del turista che vuole conoscere le peculiarità dell'arcipelago.

I villaggi nelle Isole Tremiti utilizzano zone di  roccia attrezzata, oppure attraverso servizio navetta, raggiungono le piccole spiagge di sabbia. Noto è il Villaggio Internazionale che è ubicato in una posizione particolarmente incantevole, tra Punta del Diamante e Cala Tamariello dalla quale si accede al mare. Tra i campeggi Isole Tremiti troviamo solo due strutture che offrono questo servizio: il Campeggio Villaggio San Domino e il  Camping Villaggio  Punta del Diamante.

San Domino nelle Isole Tremiti è l'isola più estesa , il suo nome deriva da un'antica chiesetta, ora scomparsa, dedicata a tale martire. I frati lateranensi per la sua estasiante bellezza la definirono "orto del paradiso".

Il mare nel tempo ha creato particolari insenature e crepacci. Ognuna delle quali ha un nome: grotta delle viole, delle murene e del bue marino. Ed ancora la cala delle arene e quella del matano. Tutta la costa di San Domino è frangiata e piena di blocchi giganteschi che sembrano precipitare l'uno verso l'altro. Sottacqua oltre alle meravigliose bellezze naturali che si possono incontrare c'è anche una sorprendente statua dedicata a San Pio troneggia fra le isole di San Nicola e San Domino. Suggestivo anche l'interno dell'isola con i suoi sepolcri preistorici, le antiche cisterne, spiagge e praterie. E per finire profumati aranceti e pinete.
Il mare che cinge le isole è ricco di pesci, dalle aragoste alle cernie, e perciò meta preferita dei pescatori subacquei. Al centro dell'arcipelago si trovano lo scoglio del Cretaccio, detto mezzaluna, e la roccia nera e grinzosa della Vecchia: entrambi deserti che però secondo una credenza popolare sono abitati di notte, il primo dal fantasma di un detenuto fuggito dal carcere e poi giustiziato; la seconda da un'anziana intenta a filare la conocchia. L'isola di San Nicola, la storia la ricorda come regalo alla perversa nipote di Augusto, Giulia che vi rimase per molti anni sino alla morte. Le più importanti vicende storiche dell'isola sono legate alla celebre abbazia-fortezza che giganteggia nell'isola: Santa Maria a Mare. Fondata nell'VIII secolo apparteneva inizialmente ai frati benedettini dell'Abbazia di Monte Cassino. Costoro si proclamarono ben presto indipendenti e costituirono uno stato proprio. In due secoli accumularono favolose ricchezze e proprietà terriere anche sulle coste garganiche. Ai benedettini seguirono i cistercensi. Poi nel XIV secolo Papa Gregorio VII mandò alle Tremiti l'ordine dei frati lateranensi. Questi ultimi trasformò l'Abbazia in una fortezza quasi inespugnabile, infatti riuscì a resistere al feroce attacco della flotta turca. Nel '600 cominciò il declino, finché nel 1789 Ferdinando VI di Borbone soppresse la badia e nel 1843 a trasformò in un carcere.

Isole Tremiti

Scorci, coste e grotte delle Isole Tremiti


L'isola più settentrionale è Caprara, poco più di 45 ettari di superficie. Un tempo boscosa e ricca di capperi che le hanno dato il nome. Oggi deserta, ne costituisce l'emblema della solitudine. La natura però le ha regalato a dispetto del suo aspetto piatto la splendida opera di architettura naturale l'Architello, un arco roccioso a collo d'oca e il Grottone, una caverna di 25 metri di altezza e 10 di lunghezza, utilizzata come ricovero dai pescatori nei giorni di maltempo

Hotel | Cosa fare sulle isole | Come arrivare | Spiagge | Video  Isole Tremiti | Meteo Isole Tremiti | Vacanze nel Gargano | Vacanze a Vieste | Promozioni |
Il territorio delle Isole Tremiti
Gargano vacanze la tua vacanza nelle Isole Tremiti tel. E-mail: info@gargano-vacanze.com